400.000 fa, il riscaldamento globale ha spazzato via la calotta glaciale della Groenlandia

Il riscaldamento globale minaccia la scomparsa dei ghiacci della Groenlandia

Il riscaldamento globale sta spazzando via il ghiaccio su tutto il nostro pianeta. Ciò ha gravi conseguenze su tutti gli ecosistemi del mondo e sulle temperature. Il disgelo sta avanzando a passi da gigante e sta causando la scomparsa della calotta glaciale della Groenlandia.

Un'indagine dell'Università Complutense di Madrid (UCM) ha rivelato che circa 400.000 anni fa ci fu un riscaldamento globale simile a quello attuale e che la calotta glaciale della Groenlandia è quasi completamente scomparsa. Accadrà lo stesso oggi?

Il disgelo della Groenlandia

Questo studio ha scoperto l'esistenza di un disgelo che ha quasi causato la scomparsa dell'intero mantello groenlandese. Per scoprire se lo stesso riscaldamento può causare danni simili oggi, sAbbiamo ricreato le condizioni climatiche della regione utilizzando un modello accoppiato clima-ghiaccio.

Una volta avviato il processo di scongelamento, è molto difficile interromperlo. Nel precedente riscaldamento globale subito dalla Terra, ci vollero diverse migliaia di anni prima che il disgelo diventasse importante. Tuttavia, oggi, il nostro riscaldamento globale sta avvenendo in pochi secoli (dalla rivoluzione industriale).

Questo modello ha ricreato per la prima volta la dinamica che il ghiaccio ha rispetto al clima esistente in Groenlandia durante il periodo interglaciale. È utile conoscere il passato di questo riscaldamento globale per poter agire nel presente, dato che le temperature erano leggermente superiori a quelle attuali e l'altezza globale degli oceani ha raggiunto un livello tra i 6 ei 13 metri sopra quello attuale.

Bisogna pensare che, se il riscaldamento globale e la scomparsa delle calotte glaciali della Groenlandia si verificassero 400.000 anni fa e senza attività industriale, è chiaro che ciò potrebbe accadere di nuovo. La conclusione principale è che il mantello della Groenlandia è sensibile a lievi cambiamenti climatici e se il suo disgelo è avvenuto più di quattrocentomila anni fa, è probabile che accada di nuovo.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.