Cielu stellatu

Campemu nantu à una pianeta assai bella, duve coesistenu parechje spezie vegetali è animali chì facenu tuttu u pussibule per campà è adattassi in un mondu duv'elli devenu affruntà parechje sfide ogni ghjornu. Ma, se di ghjornu pudemu vede una grande varietà di culori è forme di vita, di notte u spettaculu cuntinueghja, solu sta volta u prutagunistu hè u celu stellatu.

Poche volte ci ne rendimu contu, micca in vanu, hè faciule di scurdassi chì ci sò altri mondi fora induve, forse, ci hè a vita. Tutti quessi milioni di punti luminosi chì qualchì volta vedemu sò in realtà stelle, pianete, comete è nebulose chì esistevanu milioni d'anni fà.

Breve storia di l'astronomia

Amu a notte. A tranquillità chì si respira hè maravigliosa, è quandu u celu hè chjaru è pudete vede una piccula parte di l'universu, hè una sperienza incredibile. Sicuramente questi sentimenti è quelle sensazioni chì tutti i fan di l'astronomia o, semplicemente, osservendu u celu, anu ancu sperimentatu da i primi astronomi.

L'astronomia, per via, hè una scienza assai antica. Tutte e civiltà umane chì esistenu è -prubabilmente- sò state dedicate à l'osservazione di i celi. Un esempiu hè Stonehenge, una custruzzione megalitica custruita versu u 2800 a.C. C. chì, se u fighjate da u so centru, vi dice a direzzione esatta di l'alba di u solstiziu d'estate.

In Egittu, i custruttori di e piramidi di Giza, Cheops, Khafre è Menkaure (faraoni appartenenti à a IV dinastia) anu creatu e so opere versu u 2570 a.C. C. cusì ch'elli eranu allineati cù a cintura d'Orion. Ancu se attualmente e trè stelle di Orione formanu un angulu chì si distingue di qualchì gradu da quellu di e piramidi.

Tuttavia, ùn hè statu finu à parechji anni dopu, di maghju 1609, quandu u geniu Galileo Galilei hà inventatu u telescopiu chì serve per studià, ancu di più in dettu, l'uggetti in celu. À quellu tempu, in Olanda, unu era dighjà statu creatu chì ci permettia di vede ogetti luntani, ma grazia à quella di Galilei chì hà permessu di ingrandà l'immagine da ottu à nove volte, assai altri ogetti pudianu esse visti, affinchì tuttu ciò chì si pudia vede pudessi esse studiatu è analizatu. si pudia vede in celu.

Cusì, pocu à pocu a ghjente hà sappiutu capì chì era u Sole è micca a Terra chì era à u centru di tuttu u nostru, ciò chì era un cambiamentu tamantu cunsidendu chì, finu à tandu, una visione geocentrica era stata avuta di l'universu.

Oghje avemu telescopi è binoculi chì ci permettenu di vede più luntanu. Sempre di più sò quelli chì ùn sò micca suddisfatti di vede l'ogetti chì l'ochji umani ponu catturà à ochju nudu, ma chì anu più faciule ch'è mai di vede cumete, nebulose, è ancu, se u tempu hè bellu, e galassie più vicine. Ma ci hè un prublema chì ùn esistia micca nanzu: l'inquinamentu luminosu.

Chì hè l'inquinamentu luminosu?

Inquinamentu luminosu hè definita cum'è a luminosità di u celu di notte prodotta da una illuminazione urbana di scarsa qualità. I lumi di i fanali di strada, quelli di i veiculi, quelli di l'edifizii, ecc. sò un impedimentu per gode di e stelle. È a situazione s'aggrava solu quandu a pupulazione di u mondu cresce.

Hà parechje cunsequenze, cumprese e seguenti:

  • Energia è soldi sò sprecati.
  • Dazzle drivers.
  • Cuntribuiscenu à u cambiamentu climaticu.
  • Mudificheghjanu i ciculi di e diverse spezie animali, è ancu di e piante.
  • A visibilità di u celu di notte hè persa.

Ci sò suluzioni?

Benintesa . Accensione di e luci esterne per solu qualchì ora, aduprendu lampadine à risparmiu energeticu, piazzendu i fanali stradali evitendu l'ostaculi (cume i rami di l'arburu), è / o aduprendu disegni cù schermi chì evitanu a sparghjera di a luce in altu sò alcune di e cose puderanu fà per riduce l'inquinamentu luminosu.

Miti nantu à e stelle

Pléiades

E stelle sò sempre state l'ughjettu di credenze cù chì l'essere umanu hà creatu storie mitologiche. Un esempiu hè a Pleiadi (una parolla chì significa "culombe" in grecu). In Grecia antica A storia hè stata cuntata chì u cacciadore Orione s'innamurò di Pleione è di e so figliole, chì anu pruvatu à fughje da ellu, ma solu riesciutu quandu Zeus, anni dopu, li trasformò in culombe. chì si ne vola in celu per diventà un gruppu di stelle chè no cunniscimu sempre oghje cum'è e Plèie.

Tirawa

Sicondu i Pawnee, una tribù indigena di u centru di l'America di u Nordu, u diu Tirawa hà inviatu e stelle per sustene u celu. Certi anu pigliatu cura di i nivuli, di u ventu è di e piove, chì assicuravanu a fertilità di a Terra; però, ci sò stati altri chì anu scontru un saccu di timpeste murtale, chì anu purtatu a morte à a pianeta.

Via Lattea

I Maya cridianu què a Via Lattea era u caminu induve l'anime caminavanu versu l'infernu. E storie cuntate da queste persone, chì anu furmatu una di e civilizzazioni più avanzate di u so tempu, sò basate nantu à a relazione di u muvimentu di e stelle. Per elli, a banda verticale di a Via Lattea chì si pò ancu vede oghje sì u celu hè assai chjaru, riprisentava u mumentu di a creazione.

I sette Krttika

In India si crede chì l'astri di l'Ursa Major eranu i chjamati Rishis: sette saggi chì eranu maritati cù e sette surelle Krttika cù e quali campavanu in u celu nordu finu à chì Agni, u diu di u focu, s'innamurassi di e surelle Krrtika. Per pruvà à scurdassi di l'amore ch'ellu sintia, Agni si n'andò in a giungla duve hà scontru à Svaha, a stella Zeta Tauri.

Svaha s'innamurò di Agni, è per cunquistallu ciò ch'ellu hà fattu era di mascherassi cum'è una di e surelle Krrtika. Agni hà cridutu ch'ellu avia finalmente cunquistatu e moglie di i Rishis. Subitu dopu, Svaha ebbe un figliolu, cusì cuminciò à sparghje rumore chì sei di e moglie di i Rishis eranu a so mamma, purtendu à sei di i sette mariti chì divorziavanu di e so mòglie.

Arundhati era l'unicu chì stava cù u so maritu chjamatu a stella Alcor. L'altri sei si ne sò andati è sò diventati e Pleiadi.

I migliori posti per vede e stelle

Di fronte à l'inquinamentu luminosu, u megliu da fà hè di alluntanassi u più luntanu da e cità o, megliu ancu, di fà un viaghju in unu di sti lochi:

Parcu Naziunale di Monfragüe (Cáceres)

Immagine - Juan Carlos Casado

Osservatoriu Mauna Kea (Hawaii)

Immagine - Wally Pacholka

Las Cañadas del Teide (Tenerife)

Immagine - Juan Carlos Casado

Désert du Sinaï (Egypte)

Immagine - Stefan Seip

Ma ... è sì ùn possu micca viaghjà, chì faraghju? Ebbè, in questu casu u megliu seria di cumprà un telescopiu rifrattu. Hè assai sèmplice da aduprà è richiede poca manutenzione (eccettu per mantene la pulita 🙂). U funziunamentu di stu telescopiu si basa nantu à a rifrazione di a luce emessa da ellu. Quandu u raghju di luce passa per u legnu, cambierà a so traiettoria causendu una maghjina ingrandita di l'ughjettu chì si osserva in quellu mumentu.

U prezzu di un telescopiu rifrattore d'iniziazione hè abbastanza interessante, è pò valere circa 99 euro.

Più foto di celi stellati

Per compie vi lascemu qualchì foto di celi stellati. Gode ​​lu.


U cuntenutu di l'articulu aderisce à i nostri principii di etica edituriale. Per signalà un errore cliccate quì.

Un cummentariu, lasciate u vostru

Lasciate u vostru cummentariu

U vostru indirizzu email ùn esse publicatu. campi, nicissarii sò marcati cù *

*

*

  1. Responsabile di i dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopu di i dati: Cuntrolla SPAM, gestione di cumenti.
  3. Legitimazione: U vostru accunsentu
  4. Cumunicazione di i dati: I dati ùn seranu micca cumunicati à terzi, eccettu per obbligazione legale.
  5. Archiviazione di dati: Base di dati ospitata da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: In ogni mumentu pudete limità, recuperà è cancellà e vostre informazioni.

  1.   Uriel esquivel dijo

    Simu l'unicu pianeta cù e nostre virtù (aria, acqua, focu, terra) è ... insignificante.
    A bellezza di u Celu hè Enorme, Infinita; A putenza di a nostra stella rè ci lampa "scintille" di i so doni è ci copre cù aurore pulari da a so energia in cima di a nostra magnetosfera per empie i nostri pupulari di stupore è ci dà l'Etere, in fondu, in più di tecniche superiori ancu sì solu per pudè apprezzà un pocu di più di quella Preziosità, grazie à Diu.